Welcome to MedicalPress a Premium Medical Theme
Titolo Immagine

Onde d’urto focali e radiali

Home  /  Onde d’urto focali e radiali

Terapia ad onde d'urto

La terapia ad onde d’urto è una metodica non invasiva molto utilizzata in ortopedia, fisioterapia, medicina sportiva, urologia e medicina estetica.

E’ una terapia non chirurgica, non necessità di antidolorifici ed è ideale per accelerare il recupero e curare svariate indicazioni causate da dolore acuto o cronico. E’ principalmente utilizzata per il veloce sollievo dal dolore, per la cura di molte malattie dell’apparato muscolo scheletrico e favorisce il ripristino della mobilità.

Meccanismo d’azione

Le onde d’urto sono onde acustiche che trasportano alta energia alla zona del dolore e ai tessuti fibrosi o muscolo scheletrici in condizioni subacute, sub croniche e croniche. Questa energia favorisce processi rigeneranti e curativi dei tendini, delle ossa e dei tessuti molli.

Le onde d’urto sono caratterizzate da un improvviso cambio della pressione, a forte intensità e non periodicità.

L’energia cinetica del proiettile, generata dall’aria compressa, è trasferita attraverso un impatto elastico al trasmettitore situato alla punta dell’applicatore.

Effetti terapeutici

Le onde acustiche con picco di alta energia utilizzate nella terapia ad onde d’urto interagiscono con i tessuti provocando effetti medici globali di accelerata riparazione dei tessuti, crescita cellulare, effetti analgesici e il ripristino della mobilità. Tutti i processi menzionati in genere avvengono simultaneamente e sono utilizzati per trattare condizioni croniche, sub-acute ed acute (solo utenti esperti).

Il flusso di sangue nutriente è necessario per avviare e mantenere i processi di riparazione della struttura dei tessuti danneggiati. L’applicazione di onde acustiche crea micro rotture capillari nel tendine e nell’osso. A causa delle micro rotture, l’espressione di fattori di crescita come eNOS, VEGF, PCNS e BMP aumenta significativamente.

Come risultato di questi processi le arteriole vengono rimodellate, stimolate a crescere e ne vengono formate di nuove. I nuovi vasi sanguigni migliorano l’apporto di sangue e l’ossigenazione della zona trattata, e supportano la veloce guarigione sia del tendine che dell’osso.

L’infiammazione cronica si verifica quando la risposta infiammatoria non è completamente bloccata. Si può verificare il danneggiamento dei tessuti sani, e ciò si traduce in dolore cronico. I mastociti sono una delle componenti chiave del processo infiammatorio. La loro attività può essere aumentata utilizzando onde acustiche pervasive.

L’attivazione dei mastociti è seguita dalla produzione di chemochine e citochine. Questi composti pro-infiammatori prima migliorano il processo infiammatorio, e nella fase successiva, aiutano a ripristinare i normali processi di guarigione e rigenerazione.

La produzione di una quantità sufficiente di collagene è un presupposto necessario per i processi di riparazione dei tessuti muscoloscheletrici danneggiati e delle strutture legamentose. La terapia con onde d’urto accelera la sintesi del procollagene. La terapia raggruppa le fibre di collagene appena create in una struttura longitudinale che rende le fibre tendinee neoformate più dense e rigide, e crea una struttura più solida.

L’accumulo di calcio è più spesso il risultato di micro-traumi o altri traumi ad un tendine. Le onde acustiche disgregano le calcificazioni esistenti. La Terapia ad onde d’urto avvia la decalcificazione biochimica dell’accumulo di calcio, la cui consistenza è simile a quella del dentifricio, e tratta il tendine. Le particelle granulari di calcio vengono poi rimosse dal sistema linfatico.

La sostanza P è un neurotrasmettitore che media le informazioni di dolore attraverso fibre C. Questo neuropeptide è generalmente associato a dolore intenso, persistente e cronico. Essa inoltra i messaggi di dolore al sistema nervoso centrale. L’abbassamento della concentrazione di sostanza P riduce la stimolazione delle fibre afferenti nocicettive e riduce così il dolore. La diminuzione della sostanza P, dell’istamine e di altri metaboliti nocicettivi aiuta anche ad inibire lo sviluppo di edema infiammatorio. Le onde acustiche generate dalla terapia ad onde d’urto abbassano la concentrazione della sostanza P e il sollievo dal dolore del trigger point.

I trigger point sono la principale causa del dolore alla schiena, al collo, alle spalle e gli arti. Essi sono associati a noduli palpabili in bande tese di fibre muscolari ed hanno sarcomeri estremamente contratti. I sarcomeri disfunzionali si contraggono così tanto che cominciano a tagliare il loro apporto di sangue. Questo fa sì che si formino dei prodotti di scarto. Il prodotto di scarto accumulato irrita le terminazioni nervose sensoriali che provocano poi ancora di più la contrazione. Questo ciclo vizioso è denominato “crisi metabolica”. Il meccanismo d’azione assume che l’energia acustica erogata sblocca la pompa calcio e inverte quindi la crisi metabolica nei miofilamenti e rilascia i trigger point.

Dal blog:

Formazione di Nuovi Vasi Sanguigni

Il flusso di sangue nutriente è necessario per avviare e mantenere i processi di riparazione dei tessuti danneggiati. L’applicazione di onde acustiche crea micro rotture capillari nel tendine e nell’osso.

Guarigione dell’infiammazione cronica

I mastociti sono una delle componenti chiave del processo infiammatorio. La loro attività può essere aumentata utilizzando onde acustiche pervasive.

Stimolazione della produzione di Collagene

La produzione di una quantità sufficiente di collagene è un presupposto necessario per i processi di riparazione del muscolo-scheletrico danneggiato e delle strutture legamentose. La terapia con onde d’urto accelera la sintesi procollagene.

Dissoluzione di Fibroblasti Calcificati

Il calcio accumulato è più spesso il risultato di micro-traumi o altri traumi ad un tendine. Le onde acustiche disgregano le calcificazioni esistenti.

Dispersione del mediatore del dolore “sostanza P”

La sostanza P è un neurotrasmettitore che media le informazioni del dolore attraverso le fibre C. Questo neuropeptide è generalmente associato al dolore intenso, persistente e cronico.

Rilascio dei Trigger Points

I Trigger points sono la causa principale del dolore alla schiena, al collo, alle spalle e gli arti. L’energia acustica trasmessa sblocca la pompa del calcio e di conseguenza inverte la crisi metabolica nei miofilamenti e rilascia i trigger point.

1 Localizzare la zona da trattare

Individuare l’area da trattare con la palpazione al fine di applicare la terapia con la massima precisione.

2 Applicare il gel

Applicare sufficiente quantità di gel sull’area da trattare individuata nel passaggio 1. Il gel è necessario per erogare le onde acustiche in maniera efficace e senza attriti.

3 Avviare la Terapia

Posisionare delicatamente l’applicatore dell’onda d’urto sulla zona da trattare e premere il pulsante di avvio terapia.

FAQ

La terpia ad onde d'urto funziona?

Molti pazienti con problemi di dolore cronico vengono generalmente trattati senza alcun successo con vari tipi di terapie. Fino al 80% degli stessi pazienti in tutto il mondo riportano che la terapia ad onde d’urto li ha aiutati a eliminare il loro problema.

Il trattamento è doloroso?

Ci può essere una leggera sensazione di fastidio durante il trattamento, a seconda del livello di dolore che il paziente riscontra nell’area trattata. Tuttavia, poiché il trattamento dura solo circa cinque minuti, la maggior parte dei pazienti è in grado di tollerare questo disagio. Inoltre, l’intensità del trattamento può essere regolata durante la sessione.

Quanti trattamenti sono necessari?

Il numero di trattamenti varia a seconda della risposta dell’indicazione e dei tessuti. L’effetto del trattamento è cumulativo, quindi in genere c’è bisogno di più di un trattamento (3-5). Molto spesso, però, si riscontra un sollievo dal dolore subito dopo il primo trattamento.

Quanto spesso si deve ripetere il trattamento?

La maggior parte delle sessioni richiede 3-5 trattamenti che possono essere eseguiti a 3-10 giorni di distanza, secondo la tolleranza del paziente e la loro risposta tessutale.

Non si sente più alcun dolore dopo il trattamento?

La maggior parte dei pazienti avvertirà un immediato sollievo dal dolore dopo il trattamento. Tuttavia, entro 2-4 ore dopo il trattamento, possono verificarsi alcuni dolori nella zona trattata. Questo dolore è stato segnalato come tollerabile e non limitativo.

Ci sono delle limitazioni dopo il trattamento?

Si raccomanda ai pazienti di astenersi da attività fisica, in particolare sulla regione associata all’area trattata, per circa 48 ore dopo ogni sessione di trattamento.

In caso di ulteriori domande non esitate a contattarmi.

Professionista serio e attento. Sempre puntuale. Non jo mai atteso.La terapia ha dato buoni risultati.

Eliana
Paziente verificato

La. Visita è stata molto accurata e mi è stato spiegato dettagliatamente l’esito dell’esame posturale illustrandomi Come potere intervenire per correggere le problematiche riscontrate

F.S.
Paziente verificato

Professionalità e disponibilità sono le caratteristiche più evidenti del rapporto con i pazienti. Rapida individuazione del problema e dei rimedi più idonei.

S.S.
Paziente verificato

Apparecchiature tecniche efficienti e all'avanguardia unite ad un'attenzione del dottore ai minimi particolari. Ottima impressione.

I.D.
Paziente verificato

professionista disponibile e competente, ha individuato subito il problema e già al secondo trattamento ho avuto benefici evidenti

R.S.
Paziente verificato